Norma CEI 64-8 La variante 3 - ENERGY3POINT.IT

Vai ai contenuti

Menu principale:

Norma CEI 64-8 La variante 3

News & Norme

NUOVA NORMA CEI 64-8 VARIANTE 3

CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI
Nel mese di settembre del 2011 è entrata in vigore la nuova variante alla norma CEI 64-8, norma di riferimento per gli impianti elettrici. La variante alla norma CEI 64-8 adotta una classificazione degli impianti elettrici in tre livelli, con regole da applicarsi agli impianti di unità immobiliari a uso residenziale. Questa classificazione descrive ciò che gli utenti potranno scegliere nel momento in cui, rivolgendosi a un installatore di impianti elettrici, decidano di installare un nuovo impianto oppure di rinnovarlo. L’utente finale potrà d’ora in poi chiedere all’installatore che la realizzazione dell’impianto elettrico sia di livello 1, 2 o 3, dove il livello 1 individua la configurazione minima che dovrà avere un impianto perché possa essere considerato a norma. I livelli superiori 2 e 3 aumentano le prestazioni dell’impianto e quindi la sua fruibilità che si adegua alle necessità degli utenti e alla morfologia dell’habitat. I 3 livelli sono personalizzabili in base alle esigenze di dotazione e garantiscono il rispetto degli standard di qualità, efficienza e sicurezza. Nel dettaglio:
 
Livello 1
per chi sceglie l’essenziale
È il livello ideato a misura di chi fa dell’impianto elettrico un uso essenziale, senza per questo rinunciare a sicurezza ed efficienza. Installare in casa un impianto di Livello 1 vuol dire preservare in maniera sostanziale l’abitazione dal rischio di incidenti domestici dovuti al malfunzionamento dell’impianto elettrico, ma significa anche garantire un’erogazione di energia costante e quindi un’ottimizzazione del ciclo di vita, è il livello minimo per cui un impianto possa essere considerato a norma e prevede:
a) un numero minimo di punti-prese e punti-luce in funzione della metratura o della tipologia di ogni  locale l’appartamento;
b) un numero minimo di circuiti in funzione della metratura dell’appartamento;  almeno 2 interruttori differenziali al fine di garantire una sufficiente e continuità di servizio
 
Livello 2
per chi sceglie più protezione
Sistema di controllo carichi, per ridurre gli sprechi energetici e ottimizzare l’uso dell’energia elettrica. Videocitofoni e sistemi anti-intrusione, per preservare la casa da minacce esterne. Sono dotazioni obbligatorie in un impianto di Livello 2 che, oltre ad aumentare i numeri di punti prese, punti luce e interruttori differenziali, permette alla casa di essere più attenta ai consumi e ancora più sicura, rispetto al livello 1, prevede un aumento della dotazione e dei componenti, oltre che l’installazione di dispositivi per la protezione e la sicurezza della casa quali il videocitofono e l’anti-intrusione.

Livello 3
per chi sceglie una casa efficiente e confortevole
Gli impianti di Livello 3 sono pensati per chi considera la tecnologia una componente importante per ottimizzare la vita domestica. L’ impianto elettrico si trasforma in un vero e proprio sistema domotico con l’inserimento di almeno 4 funzioni domotiche, oltre a un ulteriore aumento delle dotazioni, introduce la domotica a beneficio del risparmio energetico all’interno dell’abitazione. L’impianto per essere considerato domotico deve gestire almeno quattro funzioni domotiche, tra cui: anti-intrusione, controllo carichi, gestione comando luci, gestione temperatura, gestione scenari, controllo remoto, sistema diffusione sonora, rilevazione incendio, sistema antiallagamento e/o rilevazione gas.


energy3
energy3
energy3
energy3
energy3
energy3
cavi
 
Torna ai contenuti | Torna al menu